Vi proponiamo un titolo che proviene dalle nebbie del tempo: precisamente dal 1929. In quell’anno, i futuristi Filippo Tommaso Marinetti e Fedele Azari crearono il “Primo dizionario aereo italiano”. Non si tratta però di un testo datato e nostalgico: tutt’altro. È infatti un’opera ricca di curiosità e molto interessante non solo per l’accuratezza e la varietà dei termini aeronautici riportati, ma anche da un punto di vista linguistico. Lo sforzo di “italianità” degli autori è di grande attualità anche nella nostra epoca, in cui pigramente usiamo spesso parole straniere al posto di altrettanti, correttissimi vocaboli italiani.

E così, tra termini quasi sconosciuti come ortottero o cicloplano e qualche vocabolo che non ha mai preso piede come campana (invece di cloche), ci si diverte a scoprire che la quasi totalità delle parole puntigliosamente elencate in questo dizionario è tuttora in uso, a dimostrazione che la passione “aviatoria” di Marinetti e Azari era tutt’altro che velleitaria e che ha avuto anzi un grande futuro.

La pubblicazione è una fedele trasposizione del testo e della struttura originale: un dizionario di 592 termini aeronautici che spazia da abbattere a zoccolo, arricchito da una dinamica presentazione degli autori, da una nota dell’editore originario e da una serie di rare foto delle attività aviatorie dell’autore Fedele Azari, appositamente restaurate per questa prima edizione digitale.

Realizzato nei formati ePub (nella variante “tradizionale” e per l’iBookstore di Apple) e mobi (per Amazon Kindle), il Primo dizionario aereo italiano è disponibile ad un prezzo di € 4,99.

Gli autori

Filippo Tommaso Marinetti (Alessandria d’Egitto 22 dicembre 1876 – Bellagio 2 dicembre 1944), scrittore, drammaturgo e fondatore del movimento futurista. Tra le sue opere più note: il “Manifesto del Futurismo” e “Zang Tumb Tumb” poemetto dalla grafica innovativa che rifiuta la sintassi tradizionale. Assieme alla moglie pittrice, Benedetta Cappa, crea il “tattilismo”, movimento artistico multi-sensoriale. Negli anni scrive varie pubblicazioni futuriste sull’aeropittura, la ceramica, la fotografia, financo la cucina.

Fedele Azari (Pallanza 8 febbraio 1895 – Milano 25 gennaio 1930), pittore, pilota ed esponente futurista. Partecipa all’Exposition Internationale des Arts Décoratifs et Industriels Modernes di Parigi e alla Biennale di Venezia del 1926 con il dipinto Prospettive di volo, considerato una delle prime opere della cosiddetta Aeropittura, uno stile che riflette l’entusiasmo per il volo, il dinamismo e la velocità dell’aeroplano.

Potrebbero interessarti

Finalmente Collins è decollato!

L'appassionante libro di memorie di Michael Collins – storico pilota di Apollo 11 – rappresenta una fondamentale testimonianza del “grande balzo per l’umanità” verso lo spazio

A Pilot’s Story 2

Ecco a voi in lingua inglese anche il secondo capitolo dell’avventurosa carriera di Ivan Anzellotti: tra low cost e compagnie asiatiche, riuscirà il nostro impavido pilota a diventare comandante?

Dalle nuvole al mare

Esce fresco di stampa il primo libro che avevamo pubblicato, solo in ebook, ben 11 anni fa. Non una storia di aviazione e di spazio, ma comunque un bel racconto, unico e stupefacente.

In un cielo di guai…

… si trova una giovane comandante di linea, in una giornata di volo piena di contrattempi, con un primo ufficiale più anziano che sembra divertirsi a mettere in crisi le sue certezze.

A Pilot’s Story

Ora disponibile anche in inglese “Storia di un pilota”, in cui Ivan Anzellotti ci racconta la sua uscita da Alitalia nel 2008 e le sue avventure in una compagnia aerea in Qatar.

Storie d’aria, di terra, di viaggio

Un nuovo pilota nel cockpit di Cartabianca: dopo Adalberto Pellegrino, Carolina Dellonte e Ivan Anzellotti, ecco le avventure di volo di Carlo Galiotto.

Un’occasione che capita ogni mezzo secolo

Un'edizione speciale dell'autobiografia di Eugene Cernan, comandante dell'Apollo 17, per il 50° anniversario dell'ultimo uomo sulla Luna.

30.000 punti di ritiro a disposizione

Ora potete scegliere di farvi consegnare i nostri libri presso 30.000 punti di ritiro in Italia: edicole, uffici postali, tabaccherie, negozi e locker.