Vi proponiamo un titolo che proviene dalle nebbie del tempo: precisamente dal 1929. In quell’anno, i futuristi Filippo Tommaso Marinetti e Fedele Azari crearono il “Primo dizionario aereo italiano”. Non si tratta però di un testo datato e nostalgico: tutt’altro. È infatti un’opera ricca di curiosità e molto interessante non solo per l’accuratezza e la varietà dei termini aeronautici riportati, ma anche da un punto di vista linguistico. Lo sforzo di “italianità” degli autori è di grande attualità anche nella nostra epoca, in cui pigramente usiamo spesso parole straniere al posto di altrettanti, correttissimi vocaboli italiani.

E così, tra termini quasi sconosciuti come ortottero o cicloplano e qualche vocabolo che non ha mai preso piede come campana (invece di cloche), ci si diverte a scoprire che la quasi totalità delle parole puntigliosamente elencate in questo dizionario è tuttora in uso, a dimostrazione che la passione “aviatoria” di Marinetti e Azari era tutt’altro che velleitaria e che ha avuto anzi un grande futuro.

La pubblicazione è una fedele trasposizione del testo e della struttura originale: un dizionario di 592 termini aeronautici che spazia da abbattere a zoccolo, arricchito da una dinamica presentazione degli autori, da una nota dell’editore originario e da una serie di rare foto delle attività aviatorie dell’autore Fedele Azari, appositamente restaurate per questa prima edizione digitale.

Realizzato nei formati ePub (nella variante “tradizionale” e per l’iBookstore di Apple) e mobi (per Amazon Kindle), il Primo dizionario aereo italiano è disponibile ad un prezzo di € 4,99.

Gli autori

Filippo Tommaso Marinetti (Alessandria d’Egitto 22 dicembre 1876 – Bellagio 2 dicembre 1944), scrittore, drammaturgo e fondatore del movimento futurista. Tra le sue opere più note: il “Manifesto del Futurismo” e “Zang Tumb Tumb” poemetto dalla grafica innovativa che rifiuta la sintassi tradizionale. Assieme alla moglie pittrice, Benedetta Cappa, crea il “tattilismo”, movimento artistico multi-sensoriale. Negli anni scrive varie pubblicazioni futuriste sull’aeropittura, la ceramica, la fotografia, financo la cucina.

Fedele Azari (Pallanza 8 febbraio 1895 – Milano 25 gennaio 1930), pittore, pilota ed esponente futurista. Partecipa all’Exposition Internationale des Arts Décoratifs et Industriels Modernes di Parigi e alla Biennale di Venezia del 1926 con il dipinto Prospettive di volo, considerato una delle prime opere della cosiddetta Aeropittura, uno stile che riflette l’entusiasmo per il volo, il dinamismo e la velocità dell’aeroplano.

Potrebbero interessarti

Primo dizionario aereo italiano: ancora attuale dopo quasi un secolo

Tutti i termini aeronautici in uso oggi (più qualcuno desueto) riuniti nel 1929 dai futuristi Filippo Tommaso Marinetti e Fedele Azari, disponibili in ebook.

La cripta dei teschi forati: un thriller storico dal sapore partenopeo

Un appassionante thriller a sfondo storico, ambientato a nord di Napoli, che ruota intorno a un'antica reliquia.

Raggiungere Catanzaro non è facile

Uno spaccato di vita in un paesino calabrese attraverso gli occhi e le scoperte di una bambina che diventa donna.

La storia del bisso ora anche in francese

Disponibile l'ebook in francese dedicato a Chiara Vigo, l'ultimo maestro in grado di raccogliere e tessere il bisso.

Una nuova serie di ebook di aviazione

Da molti anni stiamo raccogliendo materiale a carattere aeronautico perché secondo noi...

Occhi di Luna

La Valle Camonica, incastonata tra le prealpi lombarde, è stata...

Espiritu Maya - Guatemala tra misticismo e tradizione

Grande natura e scorci architettonici, feste e riti religiosi, bisogno...

Il segreto della quercia

Il segreto della quercia è il primo romanzo breve - ci...